:: Recensione de Le balene di Maath di Giuseppe Agnoletti e Zombie Carpocalypse di Domenico Mastrapasqua a cura di Valentino G. Colapinto

Le balene di Maath di Giuseppe Agnoletti e Zombie Carpocalypse di Domenico Mastrapasqua sono i due racconti vincitori del primo Premio short-Kipple 2011, dedicato a racconti fantascientifici inediti. Difficile stabilire quale dei due sia il migliore, vista anche la diversità dei temi e dei registri stilistici, e giustamente la giuria si è espressa per un ex-aequo.
Il racconto di Agnoletti (Galeata, 1957) è breve ma molto intenso. Due ragazze controllano l’unica piattaforma costruita su Maath, un pianeta interamente ricoperto d’acqua, le cui “balene” sono molto ambite per le loro proprietà e per questo oggetto di una caccia spietata da parte di gigantesche baleniere automatizzate. La protagonista-voce narrante ama disperatamente l’altra coinquilina, Hela, che è però perseguitata da un passato terribile. Non mancano momenti lirici e sognanti fino all’inaspettato finale che spazza via ogni residua illusione.
Carpocalypse del giovane Domenico Mastrapasqua (1984) è invece un’interessante variazione su un tema (la zombie apocalypse) fin troppo sfruttato. Gli zombi che si trovano ad affrontare i protagonisti sono ben diversi da quelli romeriani e dalle loro successive evoluzioni: più che il prodotto di virus misteriosi sembrano essere il frutto di esperimenti scientifici e hanno dimensioni enormi e capacità fuori dal comune. Lasciamo al lettore il piacere di scoprire quali.
Mastrapasqua mostra un’ottima abilità nell’imbastire il racconto con un inizio in medias res e un finale aperto, il tutto narrato con uno stile secco e ironico, che evita ogni lungaggine eliminando tutto il superfluo. Un racconto che si spera sia solo il primo di una serie…
L’epub senza DRM è acquistabile al prezzo di solo 1€ su www.kipple.it/index.php?route=product/product&product_id=229 e su altre piattaforme di vendita online come Simplicissimus o anche in versione cartacea  per 3€. Un prezzo più che abbordabile per gustare un po’ di buona fantascienza italiana.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: