:: Recensione di Il baule nella prateria, di Stefano Jacurti (Serel International, 2012)

ilIl mito del West, l’epopea della frontiera americana per quanto descrivano e siano figli di un luogo ben delimitato nel tempo e nello spazio racchiudono in sè qualcosa di universale che in un certo senso ci permette di appropriarcene, anche se non siamo americani, anche se non siamo pionieri, pistoleri, bari con i gilet damascati e le camicie inamidate e piene di pizzi della fine dell’ Ottocento.
O non si spiegherebbe la grandezza e l’autenticità con cui registi come Sergio Leone nel cinema o Emilio Salgari nella letteratura siano stati in grado di far rivivere quegli uomini e quelle donne che hanno trasformato il West da mondo reale a luogo dell’immaginario odoroso però del cuoio della sella dei cavalli o della polvere da sparo, bagnato da fiumi di whiskey, sferzato dal vento e dalla polvere, saturo dei rumori dei treni che arrivano in città fantasma, in cui rotola l’ennesimo tumbleweed.
Il West bisogna amarlo per capirne il fascino, bisogna amare la libertà, l’avventura, gli spazi sconfinati e i cieli azzurri senza nuvole, la polvere, il sudore, il sole accecante dei confini con il Messico, le praterie in cui si muovono mandrie rumorose, le città di legno e fango con le sue banche, i suoi saloon, i suoi sceriffi con la stella d’oro appuntata al petto, i suoi ladri di cavallo o banditi con tanto di manifesto della taglia in bianco e nero con l’importo della ricompensa per chi li cattura vivi o morti.Il West è la terra del futuro, delle opportunità, senza regole scritte, senza codici morali inviolabili, tutto si costruisce giorno per giorno, ognuno la sua morale se la fa da sé, ognuno si costruisce il suo domani con le sue mani a volte sporche di sangue, a volte capaci di atti di grande coraggio ed eroismo.
Stefano Jacurti, italianissimo westerner oltre che regista del premiato Inferno bianco, ha cercato di far rivivere quel mondo perduto anche sulla pagine di un libro, un libro di racconti western dal titolo Il baule nella prateria, uscito per i tipi della Serel International – EEditrice, che io ho avuto modo di leggere nella seconda edizione del 2012 con l’aggiunta di due racconti inediti Sotto una porta del White Buffalo e Una voce nel vento, rispetto all’edizione del 2008.
Jacurti grande appassionato e vero e proprio cultore ed esperto del vecchio West, autore anche di Avrei voluto essere ucciso da Clint Eastwood e Bastardi per stirpe, ci porta così nel suo West, un West dolente e amaro, velato di malinconia e nello stesso tempo vivido e vitale, per nulla rassegnato a scolorire come l’immagine di un dagherrotipo color seppia.
Il baule nella prateria contiene nove racconti brevi la cui dote principale e saper ricreare in pochi dettagli un’atmosfera, un’ epoca, un mondo lontano eppure così reale. Ogni racconto è impreziosito da un finale efficace, a volte spiazzante a volte malinconico, ma sempre capace di insegnare qualcosa, di far riflettere e qualche volta sorridere.
Il libro e la colt, ribalta le parti, riassegna i destini con un gusto un po’ bizzarro e irriverente per lo scherzo e l’ironia della vita.
In Indian Marshal,  gli ultimi, gli emarginati si trasformano in eroi in una rivisitazione apocrifa di Mezzogiorno di fuoco di Fred Zinnemann.
In My apologies Miss Eleonor, sullo sfondo della Guerra Civile americana un soldato del 5° Ohio prima di gettarsi in una missione suicida esprime un ultimo desiderio.
Dove arriva quel treno, getta un ponte tra i film di Sergio Leone e la fantasia senza tempo di un appassionato del West, facendo rivivere Armonica e Jill e facendogli dare appuntamento a Sweet Water.
Il vecchio e il puma, è il racconto più onirico, dolente e ricco di metafore, in cui un vecchio non si rassegna alla fine di un sogno.
In Vajas con Dios Frank arriva in un paese dimenticato del Messico, ultima tappa prima di tornare a casa.
In Kansas 1900, il nuovo che avanza e la fine di un’ epoca è accettato con perplessità da chi ha conosciuto un mondo che tende a scomparire.
In Sotto la porta del White Buffalo un messaggio giunto col telegrafo, cambia le cose.
E poi c’è l’ultimo racconto Una voce nel vento in cui Pablito vendica il padre prima di diventare anche lui un fantasma sepolto sotto una croce. Buona lettura.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: