:: Come bestie ferite, Luca Bonzano, (Todaro editore, 2014) a cura di Viviana Filippini

c

Clicca sulla cover per l’acquisto

Mattia, un bambino morto senza un perché. Un uomo e una donna, assidui giocatori di poker con la memoria corta. Un serial killer tornato dal Messico per vendicare la morte del figlio. Una losca banda di malavitosi e un ispettore pronto a tutto pur di sbrogliare l’intricata matassa che aleggia attorno alla morte del bimbo. Questi sono alcuni dei personaggi che agiscono nella trama di Come bestie ferite il nuovo romanzo di Luca Bonzano, scrittore milanese, nel quale non c’è un protagonista unico, ma un coro di voci che con i loro racconti ricostruiranno la vicenda narrativa. La storia è ambientata in un piccolo paesino della Lunigiana dove, in piena notte, un bambino di cinque anni corre in mezzo alla strada per recuperare un pallone rosa. Il piccolo viene ritrovato cadavere. Ad indagare sulla sua morte, un ispettore di polizia in profonda crisi emotiva e personale, che cercherà di risolvere lo spinoso caso di morte, senza lasciarsi travolgere troppo dai propri problemi personali. Il romanzo di Bonzano, edito da Todaro, mostra diverse tipologie di essere umani. Ciò che li accomuna è il fatto che tutti abbiano una vita complessa, fatta da traumi e da ferite che al posto di richiudersi, stanno lì, sopite,  pronte a ingrandirsi quando meno i protagonisti se lo aspettano. Le piaghe che hanno i diversi personaggi non sono solo fisiche, ma si ritrovano anche in quelle verità dolorose non del tutto confessate, nelle bugie e nelle azioni vendicative. Di questo ci si rende conto nel momento in cui nella trama gli eventi inizieranno ad avere una sembianza più ordinata e i diversi protagonisti, nonostante facciano i conti con se stessi, non riusciranno mai a trovare la vera pace. La cosa che intriga di questo thriller è anche la modalità con la quale Bonzano lo ha costruito, nel senso che leggendolo vi imbatterete nei primi cinque capitoli molto simili  ad un countdown. Poi si passerà alla storia narrata dai diversi punti di vista dei protagonisti e, nel momento di massima tensione narrativa, il lettore si imbatterà in una vera propria Corale (e la maiuscola non è casuale). Ed ecco che Tess, la giocatrice di poker, il suo amico complice Mario, l’ispettore e Sironi (il padre del bambino) o i malavitosi che compaiono sulla scena parlano, tanto a volte, ma da quello che dicono si ha come la sensazione che qualcosa li blocchi e impedisca loro di esprimersi in modo veritiero. In un certo è come se non riuscissero ad dire in libertà quello che passa loro per la testa. Questa impossibilità a raccontare in modo completo, crea nei protagonisti un senso di oppressione, di tensione che ricorda il nervosismo degli animali chiusi in gabbia. Il giallo di Bonzano ha una trama a puzzle nella quale l’alta suspense permette ai diversi tasselli di Come bestie ferite di incastrarsi uno alla volta,  fino alla visione completa di un mondo, nel quale tutti i personaggi vivono e cercano di sopravvivere ad una vita che non è quella che vorrebbero.

Luca Bonzano è nato a Milano nel 1973. Dopo la Maturità Classica, ha frequentato la Facoltà di Filosofia dell’Università degli Studi di Milano ed è diventato giornalista pubblicista. Ha collaborato ad alcuni programmi televisivi e lavorato per una rivista specializzata, finché ha deciso di dedicarsi completamente alla scrittura. In attesa di capire se sia stata una buona idea, divora libri, film, serie televisive e cerca di passare più tempo possibile a Levanto, quasi una seconda casa, per camminare scalzo, nuotare o anche solo stare a mollo nel mare, e coltivare con alterne fortune la propria passione per il surf. È stato finalista della XXII edizione del premio Calvino con un romanzo inedito. Nel 2014 ha pubblicato con Todaro il romanzo noir Come bestie ferite.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

 

Tag:

2 Risposte to “:: Come bestie ferite, Luca Bonzano, (Todaro editore, 2014) a cura di Viviana Filippini”

  1. Todaro editore Says:

    […] Per leggere tutta la recensione eccovi il link alla pagina. […]

  2. Viviana Says:

    grazie a Todaro per la condivisione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: