:: Florence Gordon, Brian Morton (Sonzogno, 2015) a cura di Elena Romanello

flo

Clicca sulla cover per l’acquisto

Florence Gordon è un’anziana scrittrice ebrea newyorkese, militante femminista e ora desiderosa di starsene per i fatti suoi, se non fosse che il New York Times la tira di nuovo fuori recensendo un suo vecchio libro e nominandola patrimonio nazionale. Florence dovrà districarsi tra impegni familiari e sociali, incontri, frequentazioni con il figlio Daniel, così diverso da lei visto che ha scelto di fare il poliziotto, la nuora Janine, psicologa in piena crisi di mezz’età, la nipote Emily che vede nella nonna un modello da seguire. Una cosa non facile, ma resa possibile dall’umorismo corrosivo di Florence nell’affrontare questa nuova fase della sua vita.
Woody Allen, La versione di Barney, il mito letterario e cinematografico di New York, sempre e comunque una città iconica: sono tante le cose che le pagine di questo libro rievocano alla mente, ambientate in un mondo letterario e culturale non pedante, divertente, caustico, ma comunque Brian Morton ha una sua originalità e una sua visione per restituire questa eroina rissosa e politicamente scorretta, anziana che vuole vivere la sua età senza essere senile e di peso a nessuno, ma nemmeno coinvolta in questioni più grandi di lei, spassosa, pungente, commovente.
Alla fine Florence Gordon racconta di alcuni mesi, forse gli ultimi nella vita di una donna eccezionale, testimone di una stagione irripetibile, che ha dovuto fare i conti con gli anni che passano, con gli amici che se ne vanno o stanno peggio di lei (le pagine sull’amica militante come lei ormai ridotta alla demenza senile sono tra le più toccanti del libro oltre che tra le più realistiche), con i corsi e ricorsi della vita che la riportano alla ribalta.
Certo, a prima vista può sembrare ed è una storia molto americana, celebrazione di una generazione che negli States ha vissuto momenti tra i migliori della Storia del Paese, tra liberazione sessuale, contestazione, possibilità di accedere a livelli di studio e di lavoro elevati, carriere prestigiose, ma alla fine Florence Gordon parla di vita, vecchiaia, trascorrere del tempo, legami familiari, amicizia, tutti temi universali, in maniera da far sbellicare dalle risate ma dal lasciare alla fine con un groppo in gola.
Il personaggio di Florence comunque non si dimentica, ma anche gli altri suoi comprimari sono interessanti e compongono un affresco interessante, una commedia umana in cui riconoscersi e che intrattiene e fa pensare.

Brian Morton, classe 1955, insegna alla New York University. È autore di cinque romanzi molto apprezzati dal pubblico e dalla critica americana (il suo Starting Out in the Evening, del 1998, è stato finalista al PEN/Faulkner Award). Florence Gordon è il suo primo libro tradotto in Italia.

Source: omaggio dell’editore al recensore.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Annunci

Tag:

Una Risposta to “:: Florence Gordon, Brian Morton (Sonzogno, 2015) a cura di Elena Romanello”

  1. athenabruna Says:

    Ciao! Ho letto questo libro non appena è uscito. Florence m’è piaciuto, per quanto sia un personaggio particolare, ma non ho apprezzato i personaggi di contorno:mi sono sembrati smidollati, a confronto con Florence. Nel complesso, me lo aspettavo più divertente, ma comunque è un buon libro d’intrattenimento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: