:: Dalle rovine, Luciano Funetta (Tunué, 2015) a cura di Federica Guglietta

1

Clicca sulla cover per l’acquisto

Di Luciano Funetta dicono tutti sia un esordiente. Vero, ma neanche troppo. Ha troppa dimestichezza con l’intreccio narrativo per essere al suo primo romanzo pubblicato. Impegnato da anni in diversi progetti, fa parte di collettivi, ha sempre scritto racconti. Ho voluto presentarvelo così, di getto, fin dal primo rigo di questa recensione, senza fare un minimo accenno neanche alla trama, ma andiamo con ordine.
In una città tanto moderna quanto desolata, in un tempo passato più che mai assimilabile col nostro presente vive Rivera, un ex giornalista che molla tutto per prendersi cura delle creature che più gli stanno a cuore: alleva serpenti velenosi, li cura come fossero dei figli.
L’attenzione (e l’attrazione) nei loro confronti è tale da spingerlo, all’inizio del tutto inconsciamente, ad inscenare un numero con loro. Permette, infatti, alle sue trenta creature di strisciare sul suo corpo nudo e riprende il tutto con una telecamera.
Da questo gioco ingenuo all’ascesa tra le file del cinema porno d’autore il passaggio sarà inaspettatamente breve, da derelitto e solo che era, Rivera diventerà l’uomo che tutti vogliono. Entra nel mondo del cinema porno come se fosse un fantasma.
Avvicinandosi ad un ambiente a lui del tutto oscuro, avrà modo di conoscere produttori (Birmania e Traum) che, a loro modo, hanno fatto di questo genere un’arte e sono acclamati da un pubblico invisibile, ma sempre presente; registi (Laudata) la cui unica preoccupazione è arrivare a premi e riconoscimenti, in una parola al successo; giovani attrici francesi un po’ smarrite e un po’ sfuggenti; sceneggiatori fuggitivi, in crisi d’identità e con un passato per niente roseo alle spalle (l’argentino Tapia).

“Quello che gli proponevano non aveva niente a che fare con nessuna delle pellicole pornografiche che Rivera aveva visto fino a quel momento. Più che altro davano l’impressione di aver scelto di partecipare a un gioco senza regolamento preciso, un’impresa del cui esito disastroso nessuno si preoccupava, perché ogni esito è in sé una catastrofe verso la quale Birmania e Laudata si dirigevano con entusiasmo.”

Attirati dallo scintillio della ribalta o meno, tutti i personaggi del romanzo interiorizzano i propri demoni nei modi più diversi e questo non li aiuterà di certo a risalire la vetta del loro personalissimo monte Parnaso.
L’autore riesce a mescolare luoghi, a partire dall’immaginaria e arida Fortezza e da una Barcellona sfrenata e piena di sorprese e due tempi, presente e passato, che si annodano tra loro, seguendo un ritmo allucinato e strisciante. Proprio come le bestiole tanto care a Rivera. Nel mezzo troviamo, non a caso, rimandi a Tod Browning, il regista di Freaks, film scandalo del 1932.
Quella di Dalle rovine è una scrittura d’impatto che diventa metacinema: ciò che viene raccontato si percepisce, è visibile e chiaro, nella sua sfatta straordinarietà.

“Avevamo incontrato Rivera per caso, durante una tetra notte di squallore in cui anche noi vagavamo tra le ombre, e ci era sembrata la creatura più diffidente della terra. Ne eravamo rimasti colpiti e abbiamo iniziato a seguirlo.”

Fin dall’inizio della lettura colpisce lo specifico ruolo che Funetta affida al punto di vista: un narratore esterno ed onnisciente, che conosce il protagonista e lo segue in tutti i suoi movimenti, una voce polifonica che diventa sempre più presente e vivida, seppure invisibile, una terza persona plurale che rappresenta tutto e niente, che si allontana e poi ritorna.
Un romanzo consigliato a chi ha paura dell’ignoto, ma non dei fantasmi della mente.

Luciano Funetta, classe 1986, è nato in provincia di Bari. Dopo sette anni a Bologna, nel 2012 si è trasferito a Roma dove è entrato a far parte del collettivo TerraNullius e della direzione artistica del Flep! – Festival delle letterature popolari.
Finora ha pubblicato: Noi stessi abbiamo dimenticato, «Watt» 0; Certe informazioni, «Costola» 1; Gli occhi della montagna su Cosa si scrive quando si scrive in Italia, Granta Italia; Strappacuore su «Prospektiva» 55; alcuni contributi per archiviobolano.it oltre a numerosi racconti e saggi su TerraNullius.
Dalle rovine è il suo primo romanzo, pubblicato nella collana romanzi di Tunué, curata da Vanni Santoni.

Source: libro ricevuto in regalo.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Annunci

Tag:

2 Risposte to “:: Dalle rovine, Luciano Funetta (Tunué, 2015) a cura di Federica Guglietta”

  1. federicaghiasophia Says:

    L’ha ribloggato su Lo scatolone di Aghia Sophia – recensioni e bla bla bla – e ha commentato:
    Su Liberi di scrivere ci sono io che blatero di libri che devono necessariamente essere letti.
    “Dalle rovine”, romanzo d’esordio di Luciano Funetta e ultimo arrivato nella collana narrativa di Tunué (curata da Vanni Santoni Sarmi Zegetusa) è sicuramente uno di questi.
    Buona lettura! 🙂

  2. Ne resterà soltanto uno – Luciano Funetta Says:

    […] trovare alcune recensioni di questo libro sui blog Liberi di leggere e Un antidoto contro la […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: