:: Orm il rosso. Le navi dei vichinghi (vol II), Frans Gunnar Bengtsson, (Beat 2015) a cura di Viviana Filippini

index

Clicca sulla cover per l’acquisto

Orm il rosso. Le navi dei vichinghi di Frans Gunnar Bengtsson è il seguito de Le navi dei vichinghi uscito nel 2014, sempre per Beat edizioni. Nella prima parte della saga Orm, figlio di Toste, aveva abbandonato, dietro forzatura, la propria terra danese finendo prigioniero in Spagna e, dopo la fuga, arrivando in Irlanda. Da qui il ritorno nelle proprie amate terre nordiche con una nuova fede, quella cristiana. La seconda parte dell’epopea di Bengtsson è ricca, come vuole il suo stile narrativo, di epiche avventure che Orm vivrà un po’ per mare e un po’ sulla terra. Questa volta Orm, per sfuggire all’ira funesta del re Sven, si recherà verso le terre nordiche di confine con tutta la sua famiglia. Accanto a lui la moglie Ylva, il religioso cattolico Vilibaldo, che durante la narrazione riuscirà a convertire molte persone al cristianesimo, gli amati cavalli e i cani della Scania. Nella nuova terra Orm costruirà una casa, dove la moglie darà alla luce le loro gemelle, e lui farà innalzare una chiesa per accogliere i fedeli. La prima parte del romanzo è abbastanza stanziale, nel senso che Orm è presentato mentre sta costruendo e dando forma al suo regno. Oltre alla vita della sua famiglia, al suo nascente reame, compaiono alcuni personaggi strani che vengono a fare visita al signore. Tra di loro due strambi giullari irlandesi e un prete molto tormentato, in fuga da se stesso e dai propri problemi. La seconda parte delle avventure di Orm è molto più dinamica, perché il guerriero parte per un lungo viaggio con il fine di recuperare l’oro bulgaro del fratello Are, rimasto vedovo e senza figli. Una volta compiuta questa missione, Orm tornerà a casa, ma al posto della tranquillità tanto desiderata, troverà altri problemi e spinosi grattacapi da risolvere, come nuovi nemici da affrontare, tra i quali figura pure quel prete che aveva perso se stesso e che ricomparirà sulla scena, ancora più traumatizzato e senza più fede in Dio. Orm il Rosso. Le navi dei vichinghi (vol II) di Bengtsson narra di un mondo e di epoche lontane, e lo fa attraverso la storia di un ragazzo – Orm il rosso- diventato un uomo potente e saggio, che ha sì combattuto, ma che ha anche saputo trovare pace e stabilità, grazie all’amore per la famiglia e alla fede in Dio. Il protagonista è maturato e questo essere diventato uomo completo è quel valore aggiunto che gli permetterà di affrontare con sicurezza le difficili situazioni che la vita privata e pubblica gli riserveranno. La saga dello svedese Frans Gunnar Bengtsson è curiosa, affascinate e di piacevole lettura, perché i due volumi (Le navi dei vichinghi e Orm il Rosso. Le navi dei vichinghi)trascinano il lettore in un passato lontano nel quale, grazie alle fantastiche avventure, si scopre che la convivenza tra culture, usi e costumi diversi era possibile. Traduzione Ada Arduini.

Frans Gunnar Bengtsson è stato uno dei maggiori poeti e scrittori svedesi. Saggista, si occupò di François Villon, Walter Scott e Joseph Conrad e scrisse una imponente biografia di Carlo XII, il re svedese. Il libro che gli diede la fama fu però Le navi dei vichinghi, pubblicato in due parti nel 1941 e nel 1945.

Source: libro inviato dall’editore, ringraziamo Giulia dell’ufficio stampa BEAT.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: