:: Da qualche parte c’è un briciolo di felicità, Svenja Leiber (Keller, 2016) a cura di Viviana Filippini

260-lejber

Clicca sulla cover per l’acquisto

Ruven Preuk è il protagonista del romanzo Da qualche parte c’è un briciolo di felicità della scrittrice Svenja Leiber. Il libro, pubblicato in Italia da Keller editore per la collana Passi, ha per protagonista il ragazzino Ruven, residente in un piccolo villaggio campagnolo, dislocato a Nord della Germania. Ad un certo punto tutta la comunità si accorge della forte propensione alla musica di Ruven e, per tale ragione, il giovane abbandona il suo villaggetto di campagna con un fine preciso: raggiungere il suo insegnante di violino Golbaum, residente nel ghetto ebraico di Amburgo, e diventare un grande musicista. Con l’anziano maestro, Ruven trova quell’empatia che lo porta a credere di poter avere un futuro e un successo certi e sicuri in ambito musicale. Tutto questo a Ruven sembra una qualcosa di fattibile, perché a dargli forza c’è l’amore per la bella Rahel. Peccato che la vita e le cose non sempre vadano come noi vorremmo e lo stesso Ruven dovrà fare i conti con risvolti esistenziali ben diversi da quello che aveva pensato per sé. L’imprevedibile destino separerà l’aspirante violinista dalla sua amata e, pagina dopo pagina, la Leiber ci conduce dentro alla vita di un giovane diventato uomo che sposerà una donna, forse, mai amata fino in fondo. Ruven, una volta diventato marito, soldato e padre sembrerà del tutto incapace di assolvere alle funzioni familiari, lavorative e sociali, come se fosse travolto da un male di vivere che gli impedisce di trovare la felicità. Il tutto è ambientato in una Europa tra gli anni Dieci e l’immediato periodo del Secondo dopoguerra. Uno scenario narrativo che permette al lettore di comprendere quanto geograficamente la nostra Europa sia cambiata all’inizio del XX secolo e quanto gli eventi che in essa sono accaduti (due guerre mondiali e la ricostruzione poste bellica) abbiano influenzato anche la vite delle persone che ci hanno vissuto. Da qualche parte c’è un briciolo di felicità dimostra che oltre al variare dei confini quello che si verifica nella vita del protagonista è la presa di coscienza del fatto che tutti gli uomini, spesso e volentieri, trascorrono la loro esistenza cercando la felicità, senza rendersi sempre conto che la vera gratificazione sta anche, o forse soprattutto, nelle piccole cose del quotidiano. Traduzione dal tedesco Elisa Leonzio.

Svenja Leiber è nata a Amburgo nel 1975 ed è cresciuta nella Germania settentrionale. Ha vissuto per breve tempo in Arabia Saudita. Ora vive a Berlino insieme al marito e ai loro due figli. Nel 2005 ha pubblicato la raccolta di racconti, Büchsenlicht, e nel 2010 il romanzo Schipino. Ha potuto godere di diverse borse per scrittori finanziate da importanti fondazioni culturali tedesche e ha vinto numerosi premi letterari, tra cui il Werner-Bergengruen-Preis e l’Arno-Reinfrank-Literaturpreis. Questo è il suo primo romanzo pubblicato in Italia.

Source: Keller editore. Grazie a Silvia Turato dell’ufficio stampa.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Advertisements

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: