:: Milano avrà la sua Fiera del libro

salone

Dopo Bookcity e Bookpride si terrà a Milano anche la Fiera del Libro di Milano. Così ha deciso dopo una sofferta votazione (17 voti favorevoli, 7 contrari e  8 astenuti) l’AIE, Associazione Italiana Editori. Tra gli editori che hanno votato contro: Feltrinelli, Marcos y Marcos, Gallucci, Polillo, Manni e due editori scolastici, uno dei quali è Principato. Nei giorni scorsi una serie di piccoli e medi editori si erano già pronunciati negativamente al trasferimento a Milano tra cui E/O, Sellerio, Iperborea, Fazi, Nottetempo, SUR e miminumfax – preoccupati che gli interessi dei grandi editori avrebbero schiacciato l’editoria indipendente. Comunque il Salone del Libro di Torino a maggio si terrà, festeggerà il suo trentesimo anno, ma ciò non toglie che un evento similare nello stesso mese, a pochi km di distanza, specie se si porrà uno spiacevole diktat agli editori (o Milano… o Torino) costituirà un notevole danno per la città all’ombra della Mole. Sembrano non essere queste le intenzioni dell’ AIE, che sembra decisa a dare alla Fiera un taglio più internazionale, e per addetti ai lavori, sul modello della Fiera del Libro di Francoforte. Riusciranno nella scommessa? E’ presto per dirlo. Quello che certo il titolo se vogliamo di città del libro e dell’editoria sono anni che le due città se lo contendono. Se Milano è la sede di alcune delle maggiori realtà editoriali, pensiamo solo a Mondadori, Torino per lo meno ha sempre difeso il ruolo onorario di città del libro e della cultura. E il Salone del libro era il centro di questo sforzo condiviso di competere con meno mezzi ma con più creatività e fantasia, lasciando anche largo spazio ai piccoli e medi editori. Nonostante a caldo la notizia a possa scaldare gli animi, a mente lucida si può giungere alla conclusione che i due avvenimenti saranno diversi e quindi si spera almeno posti in mesi diversi, lasciando il tempo a chi vi interverrà di organizzarsi e partecipare a entrambi. Nei prossimi giorni si vedrà se l’interesse per il bene comune prevarrà su gli interessi di parte. Basta solo che il Salone del Libro di Torino non diventi il Salone degli editori a pagamento. L’unico modo davvero perchè una trentennale esperienza, più positiva che negativa, finisca.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: