:: Qui giaccio, Luigi Schettini, (Golem, 2016) a cura di Elena Romanello

cop

Clicca sulla cover per l’acquisto

Il medico legale Tom Sermon si trova a Roma in vacanza con la famiglia quando viene coinvolto in un omicidio inquietante: al Verano, nella tomba dove riposa una parlamentare morta da poco tempo, sorella di un vescovo assassinato anni prima, viene trovato il cadavere di una donna imbalsamata viva, con in bocca l’inizio del Canto del capraio di Nietzsche, poesia molto originale nella produzione del discusso filosofo, che inizia proprio con Qui giaccio.
Nei giorni successivi avvengono altri omicidi, tutti con la stessa tattica, che rimandano ad un fatto oscuro, accaduto anni prima, durante l’elezione di un nuovo Papa, in una realtà parallela ma non simile a quella attuale, visto che si parla del 1991, finché non si arriva ad un finale a sorpresa, che ricompone una vicenda originale, che riecheggia i thriller d’oltre oceano, Harris, Deaver e Patterson in testa, tutta in salsa italiana intorno ad un luogo molto suggestivo e meno noto di altri suoi omologhi stranieri, il cimitero del Verano di Roma.
Non è il primo romanzo che Luigi Schettini ha dedicato a Tom Sermon, eroe ricalcato sui protagonisti dei telefilm stile CSI, ma è godibilissimo anche senza conoscere le sue avventure precedenti, sul modello della vecchia tradizione dei gialli, in cui c’era un eroe per tante avventure non legate strettamente.
Qui giaccio è un libro per gli amanti dei thriller sotto tutte le latitudini, con dentro la figura antica e sinistra dell’imbalsamatore, visto come punto di incontro tra vita e morte e come sorta di mago nero di potenze incontrollabili. A questo si aggiunge una strizzata d’occhio al genere alla Dan Brown, ma senza troppi eccessi, e all’attualità di certi giochi sporchi e nascosti protagonista anche della cronaca nera. Quello che però attrae del libro, prima di immergersi in pagine avvincenti e che filano lisce come l’olio, è la copertina, una rielaborazione grafica di un angolo del Verano, ma che riassume anche il tema del libro, il desiderio di vendetta contro un torto e la voglia di fare giustizia.

Luigi Schettini nasce a Roma nel 1989. Oltre ad essere un valente giallista, nella vita è insegnante/coreografo hip-hop e attore. Grande cultore del cinema di Dario Argento e della letteratura horror e legal thriller di Stephen King e Patricia Cornwell, scrive storie da sempre e all’età di 17 anni da vita al suo primo romanzo. Pubblica I delitti del faro nel 2008 e Giallo Zafferano nel 2011. Nel 2015 l’editore GOLEM pubblica il suo nuovo inquietante thriller, Qui Giaccio, lo stesso romanzo che ha superato le selezioni per il programma Rai “Masterpiece”, dal quale è stato poi escluso poiché si richiedeva che l’autore fosse inedito.

Source: libro inviato dall’Editore al recensore, ringraziamo Francesca dell’ Ufficio stampa Golem.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: