:: Blogtour – Erano due bravi ragazzi (Newton Compton, 2016) – seconda tappa – Personaggi

blogtour-erano-due-bravi-ragazzi

Eccoci arrivati alla seconda tappa del blogtour dedicato a Erano due bravi ragazzi di Mattia Giuramento e Emiliano Scalia edito da Newton Compton.  Premetto che questo è un romanzo molto particolare, non di pura evasione, ma più che altro un ritratto molto crudo e spietato e soprattutto verosimile di un mondo in cui predominano violenza e disperazione. La camorra napoletana insomma  è vista dal suo interno, e pur se alcune parti possono turbare le persone più sensibili, è di sicuro un libro interessante e soprattutto scritto bene. Detto questo in questa tappa mi occuperò di fornirvi uno schema di approfondimento dei personaggi. Bene, continuate a leggere.

֎ I personaggi ֎

Fabrizio de Julio è uno dei due personaggi principali del romanzo, uno dei due bravi ragazzi del titolo. Ha ventisei anni. E’ silenzioso. Non ama le apperenze. Legge, si è diplomato col massimo dei voti nel miglior liceo classico della città. E’ stato fidanzato con la stessa ragazza per 4 anni. E’ un tipo tranquillo, che non ha mai creato problemi a nessuno. E’ bello, bruno, con un naso importante, carnagione scura, labbra carnose, e uno sguardo da pirata ereditato da qualche antenato saraceno. Ha un fratello, Arturo, con cui non va d’accordo e che in uno scoppio di violenza incontrollata manderà all’ospedale. E’ iscritto a Medicina, soprattutto per fare contento il padre, un ricco ortopedico di successo. Insomma è il classico bravo ragazzo in apparenza, anche se il ruolo di figlio di papà, di rampollo della Napoli bene gli sta decisamente stretto. Non condivide i valori del suo ambiente, si annoia a oziare tra una festa, un giro in barca e un salto a Formetera a sniffare cocaina (lui non usa droga) nella villa di famiglia. L’incontro con Andrea e l’amicizia che ne nascerà cambierà il suo destino.

Andrea Imbriani è il coprototagonsita del romanzo. Arriva da Miano, zona di periferia a nord della città in mano alla Camorra, dove vive in un palazzo fatiscente. Sta per compiere 28 anni. E’ biondo. Vive di espedienti,  e di piccoli affari illeciti con cui mantiene la madre e la sorella all’Università. Il padre se ne è andato lasciandolo solo a badare alle due donne. L’incontro con Fabrizio lo spingerà a fare il salto, a lasciare i piccoli traffici per puntare in alto in un perverso meccanismo di potere e violenza. Come per Fabrizio è difficile prevedere per lui un lieto fine.

Gianni de Julio è il padre di Fabrizio, un ortopedico tra i migliori del sud Italia. Ha studiato negli Stati Uniti e tornato a Napoli ha sposato una nobile della Napoli bene, una parte della storia della città.  Incarna il cliché dell’arricchito, di chi ce l’ha fatto ed è entrato nei salotti buoni della città. Successo, soldi e perbenismo sono la sua maschera.

Anna è un’amica di Andrea, una del giro, una affidabile, che sa. Era una tosta già da piccola. Sa tutto di tutti e gestisce tre maglierie in nero di proprietà dei Caruano, a titolo di risarcimento, suo padre morì in uno scontro di camorra. Andrea si fida ciecamente di lei. Occhi scuri. Sembra più giovane quando ride.

Gaetano Vosa è uno dei capizona di Totonno ‘o munnezzaro, il boss dello smaltimento dei rifiuti tossici. Mettersi con la figlia del boss firmerà la sua condanna a morte.

Totonno ‘o munnezzaro, al secolo Antonio Romano, è un camorrista importante. Oltre a gestire il traffico dei rifiuti pericolosi si occupa di mantenere i rapporti con la comunità cinese. Vive in una villetta in via Vecchia Napoli a Miano. Di fronte alla casa color salmone c’è il ristorante dove gestisce i suoi affari. E’ grasso, ha cinquant’anni e pesa almeno 120 chili. Ha piccoli precedenti per rapina e spaccio ma non è latitante. E’ favolosamente ricco. molto è investito in attività lecite tramite uno studio di avvocati e commercialisti di Milano. La faccia pulita della camorra.

Colonnello Roberto Ortigia dei ROS, è l’uomo che cerca di incastrare Totonno ‘o munnezzaro. E’ nato per fare il carabiniere. E’ siciliano. E’ sposato.

֎Tutte le tappe֎

2o settembre Il giallistaIntroduzione e incipit

22 settembre Liberi di Scrivere – I Personaggi

23 settembre Penna d’oroL’intervista

26 settembre Il Flauto di PanRecensione

27 settembre GraphoManiaRecensione

Tag: ,

Una Risposta to “:: Blogtour – Erano due bravi ragazzi (Newton Compton, 2016) – seconda tappa – Personaggi”

  1. :: Erano due bravi ragazzi, Emiliano Scalia e Mattia Giuramento,(Newton Compton, 2016) | Liberi di scrivere Says:

    […] Nota: Per un profilo dei personaggi vi rimando a questa tappa del blogtour che facemmo a settembre: qui. […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: