:: Il turista, Massimo Carlotto, (Rizzoli, 2016) a cura di Federica Belleri

tur

Clicca sulla cove per l’acquisto

Venezia è gremita di turisti. Percorrono ponti e vicoli, seguono i percorsi scelti appositamente per raggiungere Piazza San Marco e  il Canal Grande. Osservano, scattano foto, salgono su gondole e traghetti. Non sanno però che la città di laguna nasconde un serial killer, uno psicopatico che si mescola alla folla. Studia ogni mossa della vittima prescelta, si apposta e colpisce. È intelligente e curioso. Gode nel carpire i segreti della persona che ha ucciso. Può capitare però che qualcosa non funzioni, che un meccanismo ormai prevedibile si inceppi. In quel preciso istante il suo comportamento si altera e scatta la rabbia, così difficile da controllare. Lui è il Turista.
Un ex commissario di polizia, espulso per corruzione e abbandonato da moglie e figlia, è sempre sottoposto agli sguardi d’accusa di tutti, perché a Venezia conoscere i fatti degli altri non è poi così complicato. Entrerà in contatto con il Turista in modo particolare. Lui è Pietro Sambo.
Venezia diventerà il teatro di una guerra clandestina per scovare ex agenti segreti passati al soldo delle mafie. Gruppi paralleli e occultati alla vista. Fra ristoranti e botteghe artigiane si innescherà un gioco pericoloso. Il Turista è un personaggio cinico e un attore nato, difficile ingannarlo. Manipola a sua personale scelta chiunque si trovi di fronte. Utilizza ogni mezzo per ottenere ciò che desidera. Ha una faccia per ogni occasione.
Il vicequestore si attiva e tiene a bada i giornalisti con la solita storiella, ma si augura di uscire presto da questa vicenda. Nessuno viene risparmiato, anche gli innocenti diventano vittime da sacrificare per poter catturare il killer. Il rispetto viene raso al suolo. Una testa taglia l’altra, basta arrivare al dunque.
Il Turista. Una spirale di minacce, doppiogioco, violenza e frustrazione. Un assassino che segna nel profondo le persone che gli stanno attorno, abbandonandole poi a se stesse come palloncini bucati. Un killer che ha bisogno di uccidere e di essere notato, per sentirsi importante. Thriller dal ritmo fluido e costante. Una storia marcia e subdola, ambientata in una delle città più affascinanti del mondo.
Assolutamente consigliato.

Massimo Carlotto (Padova 1956) è uno dei più affermati autori italiani di noir. Ha esordito nel 1994 con Il fuggiasco, cui sono seguiti, tra gli altri, Le irregolari, Arrivederci amore ciao, L’oscura immensità della morte e la serie che ha per protagonista Marco Buratti detto “l’Alligatore”. È autore anche di testi per la radio e il teatro, di saggi, graphic novel, racconti, sceneggiature per il cinema e la tv.

Source: Acquisto personale.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag: , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: