:: Il rumore della pioggia, Gigi Paoli (Giunti, 2016) a cura di Micol Borzatta

nk

Clicca sulla cover per l’acquisto

Firenze, giorni nostri. Via Maggio. In un negozio di antiquariato di proprietà dell’economato della Curia viene trovato il cadavere del commesso, Vittorio Stefani anni 68, da Padre bruno Martelli, capo economato.
Il generale Nigro chiama subito il migliore a indagare, così anche se normalmente il colonnello Lion non si occupa di omicidi, deve fare uno strappo alla regola e ubbidire agli ordini.
Anche un’altra persona si troverà a fare un’eccezione ai suoi normali incarichi, il giornalista Carlo marchi, incaricato normalmente della cronaca giudiziaria, che dovrà seguire da molto vicino tutte le indagini.
Iniziano così le investigazioni a 360°, arrivando ai massoni, antiche sette sataniche, gruppi omosessuali e Curia compresa, ma i misteri e i segreti sono più torbidi di quanto Lion e Marchi possano mai immaginare. E molto più pericolosi di quello che sembrano.
Un romanzo tutto all’italiana, coinvolgente, che sa far ambientare il lettore, anche non conoscendo la città grazie alle descrizioni ben fatte e molto minuziose, sempre dal punto di vista della voce narrante, che è in prima persona, così che il lettore abbia l’impressione di vedere lui direttamente la scena che ha davanti.
La storia sa perfettamente tenere l’adrenalina sempre al culmine e l’attenzione sempre attiva, con una narrazione piena di effetti e colpi di scena che non calano nemmeno alla fine del romanzo dove l’ultimo colpo di scena sarà quello che stordirà il lettore completamente.
Il personaggio principale, Carlo Marchi, sembra molto la impersonificazione dell’autore, infatti per tutto il romanzo si ha la certezza che chi scrive lo faccia perfettamente con cognizione di causa, maturata non solo grazie a ricerche e studi sul campo, ma proprio da anni di servizio.
Grande spazio lo trovano anche i sentimenti, specialmente quando si parla del rapporto padre-figlia, molto travagliato a causa degli orari di lavoro di lui e delle classiche crisi adolescenziali causate dalla giovane età di lei.
Un romanzo che sa come conquistare e un nuovo personaggio di cui innamorarsi e di cui seguire gli sviluppi nelle prossime narrazioni.

Gigi Paoli nasce a Firenze nel 1971, giornalista.
Dal 2001, per 15 anni, ha ricoperto il ruolo di responsabile della cronaca giudiziaria della redazione fiorentina del giornale La Nazione.
Da marzo 2016 è diventato caposervizio della redazione di Empoli.
Vive a Prato con la figlia e una gatta e Il rumore della pioggia è il suo primo romanzo.

Source: ebook inviato al recensore dall’editore, ringraziamo Marilou dell’Ufficio Stampa Giunti.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Annunci

Tag:

Una Risposta to “:: Il rumore della pioggia, Gigi Paoli (Giunti, 2016) a cura di Micol Borzatta”

  1. Micol Borzatta Says:

    L’ha ribloggato su Quattro chiacchiere in compagniae ha commentato:
    Recensione pubblicata sul blog Liberi di Scrivere con cui collaboro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: