:: Officina del macello, Gianluca Costantini e Elettra Stamboulis (Eris Edizioni, 2016), a cura di Elena Romanello

offIn questi anni sta ricorrendo il centesimo anniversario della Prima guerra mondiale o Grande Guerra: sono molte di conseguenze le proposte editoriali, con o testi originali dell’epoca riproposti magari dopo decenni o storie contemporanee di riflessioni.
Accanto a romanzi e saggi, trova posto anche una graphic novel, Officina del macello, scritta a quattro mani da Gianluca Costantini, disegnatore, e Elettra Stamboulis, sceneggiatrice, che racconta uno degli episodi più vergognosi, la decimazione nel 1917 della Brigata Catanzaro, per anni taciuta tranne che nel film degli anni Settanta Uomini contro di Francesco Rosi.
Il 1917 era il terzo anno di guerra di trincea, con case, affetti e famiglie ormai un lontano ricordo sofferto per molti soldati, come i membri della Brigata Catanzaro, formata dai figli di quella Questione meridionale mai risolta, molisani, calabresi, pugliesi e siciliani, per lo più analfabeti. A giugno viene promesso ai soldati un mese di riposo e sarebbe solo quello che chiederebbero, ma dopo essere arrivati in un piccolo paese del Friuli Venezia Giulia, Santa Maria la Longa, la promessa viene disattesa e la brigata Catanzaro si ribella. Una ribellione che sarà barbaramente punita: il 16 luglio 1917 un plotone di carabinieri procede alla decimazione della Brigata Catanzaro, cioè ad uccidere un soldato ogni dieci, scelto a casa, pratica orrenda seguita soprattutto nell’esercito italiano. Così termina una delle più importanti rivolte scoppiate durante la Prima guerra Mondiale nell’esercito italiano, una pagina nera della Storia italiana, un simbolo di ingiustizia enorme, che ebbe tra i pochi testimoni Gabriele D’Annunzio, che ne rimase disgustato.
In una serie di tavole essenziali e crude rivive quindi una storia da non dimenticare, basata su nuove ricerche, che hanno appurato tra l’altro che una parte delle vittime di questo eccidio è rimasta tutt’oggi senza nome. Accanto al fumetto ci sono quattro saggi storici di Sergio Dini, procuratore di Padova e già Presidente dell’Assocazione nazionale Magistrati militari, Lorenzo Pasculli, avvocato e dottore di ricerca a Trento, Silvio Riondato, professore di diritto penale a Padova, Giulia Sattolo, storica esperta sulla Grande Guerra e autrice di una tesi sulla fucilazione della Brigata Catanzaro, Massimo Vitale, giornalista Rai, e Matteo Polo, storico e saggista sulla Prima Guerra mondiale per completare il quadro di un episodio drammatico e vergognoso.
Officina del macello è uscita in una nuova edizione in vista del centenario della decimazione della Brigata Catanzaro.

Gianluca Costantini è un artista e disegnatore che si occupa di storie sulla realtà da una ventina d’anni, con opere come editori come Eris e Becco giallo, su argomenti che spaziano da Berlinguer a Julian Assange.

Elettra Stamboulis vive a Ravenna dove si occupa di progetti culturali e eventi espositivi, anche sui fumetti, come la mostra su Marjane Satrapi. Cura inoltre il festival del fumetto della realtà Komikazen e ha collaborato come sceneggiatrice a varie graphic novel di impegno sociale.

Provenienza: dono dell’editore, si ringrazia l’ufficio stampa Eris.

Nota: attualmente non disponibile su Libreria univeristaria.

Tag:

Una Risposta to “:: Officina del macello, Gianluca Costantini e Elettra Stamboulis (Eris Edizioni, 2016), a cura di Elena Romanello”

  1. :: Officina del macello, Gianluca Costantini e Elettra Stamboulis (Eris Edizioni, 2016), a cura di Elena Romanello « Elena Romanello sito ufficiale Says:

    […] Sorgente: :: Officina del macello, Gianluca Costantini e Elettra Stamboulis (Eris Edizioni, 2016), a cura di E… […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: