:: Malaparte. Morte come me, Monaldi e Sorti, (Baldini&Castoldi, 2016), a cura di Daniela Distefano

unnamed3

Clicca sulla cover per l’acquisto

Fa caldo ad agosto, anche a Capri, persino nel 1939, un bollente anticipo d’inferno. La guerra è alle porte. Una ragazza, una promettente poetessa inglese, viene trovata morta (evento realmente accaduto).
Si cerca di fare chiarezza con quel poco che può affacciarsi sul balcone della Verità.
Come un misero capello finito nel gorgo di un insalubre lavandino, un uomo scivola nell’occhio del ciclone, accusato dalla polizia di Mussolini di quello che viene ritenuto un omicidio passionale. Ma è davvero così?
E chi è lo sfortunato e non colpevole perseguitato?
E’ uno scrittore geniale, è un giocatore di talento nel campo dei sentimenti e dei passatempi ardenti, è uno svagato intellettuale impegnato, è semplicemente Curzio Malaparte, l’autore di Kaputt e La pelle, due capolavori letterari del nostro Novecento.
Forte del sostegno di pochi amici fidati (un principe prodigo, un camorrista, uno strambo pittore e il fedele cane Febo), intavolando duelli per allargare il raggio delle proprie conoscenze (solo dopo un duello è possibile diventare veri amici), Malaparte, eroe di questo noir striato di luce, perverrà alla ragion d’essere di un mistero.
Qualcuno vorrebbe suggerire che forse Pam è morta per qualche cosa che ha a che fare con la Fabian Society. Qualcosa che ha a che vedere anche con il movimento marxista, con Lenin, con Gorkij.
Altri insistono sul fatto che è stata scelta la povera Pam perché il padre è uno degli odiatissimi socialisti umanitari della Fabian Society, e Hitler li odia quasi quanto gli ebrei.
Un giallo con tutti i crismi del rebus. In mezzo, la battaglia dei vari personaggi – tarati dalla Storia – per non vivere come fantasmi di un universo che si sbriciola a contatto col mare del Secondo conflitto mondiale.
Uno dei brani più riusciti è quello in cui si definiscono i contorni della figura di Edda Mussolini Ciano.

<< Quando scoppierà la guerra questa casa diventerà un bunker>>, disse Edda. << Gli americani sbarcheranno in Italia, e tutte le nostre case dovranno essere trasformate in bunker, per morirci dentro.>> Sentii una stretta al cuore per la freddezza con cui Edda assisteva allo spettacolo meraviglioso del cielo notturno di Capri e intanto pensava alla morte. Edda, ne ero certo, amava solo la morte. Non mi sarei sorpreso se un giorno mi avessero detto che aveva ucciso qualcuno, o che si era uccisa.

Malaparte è incasellato in un mondo dall’atmosfera pesantemente rarefatta che rimanda a simili ambienti descritti con forte impressionismo in grandi romanzi del passato: “Tenera è la notte” di Francis Scott Fitzgerald, per fare un esempio.
Sembra di trovarsi di fronte ad un dipinto su cui cambia l’interpretazione ad ogni sbatter di palpebre. Tutto è significativo nel suo particolare, ma il pensiero fugge la totalità di un segreto che la giovane Pam, la vittima, ha trascinato con sé in fondo ad un abisso di orrori umani.
Un romanzo completo che pur trattando materia di fantasia chiarisce la visuale di eventi che non possiamo cancellare dalla nostra troppo spesso miope memoria.

Rita Monaldi e Francesco Sorti, moglie e marito, hanno pubblicato finora nove libri, bestseller internazionali, tradotti in 26 lingue e 60 Paesi. Vivono con i figli a Vienna.

Source: Libro inviato dall’Editore. Ringraziamo Mario dell’Ufficio Stampa “Baldini&Castoldi”.

Nota: La prosa di questo romanzo si richiama intenzionalmente alle peculiarità dello stile di Malaparte (tra cui il gusto musicale per la ripetizione), che continua a trovare estimatori anche fuori d’Italia.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: