:: Un’ intervista con Rena Olsen

nonCiao Rena. Grazie per aver accettato la mia intervista e benvenuta su Liberidiscrivere. Raccontaci qualcosa di te. Scrittrice, terapeuta, insegnante. Chi è Rena Olsen? Punti di forza e di debolezza.

Questa è una gran bella domanda. Vediamo … Sono nata in un freddo pomeriggio di gennaio, pochi giorni prima che una tempesta di neve gigante colpisse …
Ha! Stavo solo scherzando. Se dovessi scegliere una sola parola per riassumere me stessa, sarebbe eclettica. Mi piace provare un sacco di cose diverse, indossare un sacco di cappelli diversi. Provo quasi tutto almeno una volta (tranne quando si tratta di cibo … non sono molto avventurosa in questo caso). Canto in chiesa con la mia band, sono un terapeuta a tempo pieno, ho tenuto corsi universitari, e mi piace scrivere qualsiasi cosa, dai thriller alla fantascienza, sia per ragazzi che per adulti.
Quanto a come questo si traduca in punti di forza e di debolezza, penso che sia un punto di forza essere in grado di adattarsi a cose diverse. Sono molto flessibile e abbastanza facile da accontentare. Sono una persona semplice e sempre pronta ad aiutare. Punti deboli? Ho una scarsa capacità di attenzione, che dovrebbe essere ovvio da tutto ciò che ho detto finora. Procrastino. Vivo in uno stato di caos organizzato, che spinge molti miei amici più organizzati di me a ritenermi un po ‘folle. Diciamo solo che la mia creatività è debole in tutti gli ambiti della vita, il lavoro, le amicizie, le pulizie di casa.

Raccontaci qualcosa del tuo background, dei tuoi studi, della tua infanzia.

Ho vissuto in cinque diverse città in tre diversi stati prima di andare al college. Mio padre decise durante il mio anno di scuola materna a New York di andare in seminario per diventare pastore, così ci siamo spostati in Iowa, e poi ci siamo trasferiti diverse altre volte dopo pochi anni. Ho imparato molto su me stessa e sulle altre persone in questi spostamenti. Sono andata al college a Sioux Falls, Dakota del Sud, e ho conseguito la laurea triennale in Psicologia. Ho frequentato poi un master in matrimonio e terapia familiare. Ora sono un supervisore per un programma di assistenza che invia i terapeuti nelle scuole in tutta la città di Des Moines, nello Iowa, al fine di raggiungere i bambini che non potrebbero ottenere tali servizi altrimenti. Scrivo la sera e nei fine settimana.

Cosa ti ha spinto a diventare una scrittrice? Cosa ti ha fatto decidere di iniziare a scrivere narrativa?

Mi è sempre piaciuto scrivere. Ero solita sognare ad occhi aperti costantemente, creare storie nella mia testa circa le persone che conoscevo e le persone che creavo. Quando ero in terza elementare, ho scritto una storia su un dente antropomorfo che cade dalla bocca di una ragazza e inizia un’avventura nella scuola. Quella storia vinse quell’anno il concorso di scrittura dello stato dello Iowa. Ho vinto un paio di gare durante la scuola, ma non ho preso sul serio la scrittura fino a dopo la scuola di specializzazione. Nel 2009 ho tentato il National Novel Writing Month per la prima volta, e mi sono resa conto che avevo dentro di me quel qual cosa per creare un intero romanzo. (Questo primo romanzo devo dire era orribile, ma tra l’altro, il maggior numero di primi romanzi lo sono, ma ho imparato molto!)

Raccontaci qualcosa del tuo debutto. La tua strada per la pubblicazione. Hai ricevuto molti rifiuti?

Il mio romanzo di debutto, Non dirmi bugie (The Girl Before), era il quarto romanzo completo che ho scritto, e in un secondo tempo che ho mandato agli agenti sul serio. (Il primo che scrissi l’ ho inviato brevemente prima di capire quanto orribile fosse). Mi ci sono voluti due anni e un sacco di rifiuti poi ho firmato con il mio agente. Penso che chiunque si metta nel business dell’editoria abbia bisogno di accettare il fatto che il rifiuto è una parte del processo, su tutti i fronti. Trattare con il rifiuto è una vera prova della vostra determinazione. Per fortuna, il mio libro è stato venduto abbastanza rapidamente ad un editore, ma ciò non è frequente.

Il tuo romanzo d’esordio The Girl Before è ispirato ad una storia vera? Che tipo di ricerche sono state necessarie?

The Girl Before non è ispirato da una sola storia. I personaggi e le situazioni sono completamente inventati. Ma ho fatto un sacco di ricerche sulla tratta di esseri umani partecipando a molti seminari. Ho anche usato un sacco di mie conoscenza psicologiche e sulla natura umana per dare risposte realistiche nelle diverse situazioni. La mente umana è incredibile e cercherà sempre di proteggere se stessa.

Qual è stato il punto di partenza nel processo di scrittura?

Avevo imparato molte cose sul traffico di esseri umani in America, e su quello che accade in tutto il resto del mondo. Penso che quando si ha l’occasione di conoscere queste cose ci si sente impotenti, e allora mi sono chiesta che cosa si potrebbe fare di fronte a una realtà così tragica. Da parte mia sapevo che ne avrei potuto scrivere. Ho iniziato a chiedermi come sarebbe qualcuno cresciuto in quel mondo, se tutto quello era la sola realtà che aveva conosciuto. Fu allora che Clara ha cominciato a parlare con me, raccontandomi la sua storia. L’ho scritta come lei l’ ha detta a me. So che mi fa sembrare un po’ pazza, ma penso che concorderete con me che la maggior parte degli scrittori lo sono. 😉

Puoi dirci qualcosa sulla trama di questo romanzo?

Il libro è incentrato su Clara, che viene separata dal marito e dalle figlie durante un raid nel loro complesso abitativo. Viene presa in custodia e interrogata da degli agenti sugli affari del marito. Mentre in un primo momento si rifiuta, poi con riluttanza inizia a condividere la sua storia, e vediamo scene della sua vita prima, come è cresciuta, come è arrivata ad essere quello che è. Non ci sono capitoli, solo sezioni che alternano la linea temporale tra presente e passato.

Puoi dirci un po’ di più dei tuoi protagonisti?

Clara è il personaggio principale. Si presenta un po ‘ingenua, a volte, ma lei è incredibilmente forte e leale. Ha un grande cuore, e parte della sua difficoltà nel ricordare il suo passato consiste nel suo orrore per la consapevolezza che tutto ciò che sapeva essere reale e vero potrebbe essere una bugia. Glen è il marito di Clara. Sono cresciuti insieme. Clara è stata allevata dai genitori di Glen insieme a molte altre ragazze, e l’amore tra Glen e Clara era proibito. Glen è costantemente diviso tra l’amore per Clara e il suo desiderio di compiacere il padre e di essere all’altezza delle aspettative dei suoi genitori. Connor è l’agente che lavora con Clara per convincerla a raccontare la sua storia. Egli è in un primo momento il nemico, ma nonostante Clara lo percepisca in questo modo, ne fa notare la gentilezza. Connor si prende cura di Clara non solo come un testimone, ma anche come una persona che è stata vittima di una situazione terribile per la maggior parte della sua vita, anche se non se ne accorgeva.

Ti capita mai di usare le tue paure personali o esperienze nelle tue storie?

Non in questa storia, ma a volte uso una conversazione divertente o un aneddoto curioso che poi inserisco in un libro. Cerco tuttavia di stare lontana da questo per quanto è possibile, tanto più che si tratta di altre persone. E se metto troppe mie paure in un libro, mi preoccupa il fatto che mi sentirei troppo vulnerabile. Tuttavia, è impossibile non lasciare frammenti di se stessi nelle pagine quando si scrive un libro. E’ inevitabile.

Quale ruolo gioca Internet per la scrittura, la ricerca, e la commercializzazione dei tuoi libri?

Faccio la maggior parte delle mie ricerche su Internet, sia leggendo articoli o interviste o anche solo facendo domande sui social media per un aiuto su un argomento specifico da parte degli esperti. Non credo che la commercializzazione sarebbe andata altrettanto bene senza Internet. E ‘un modo fantastico per connettersi direttamente con i lettori. Compro la maggior parte dei miei libri sulla base delle raccomandazioni sui social media. Se qualcuno di cui mi fido ha letto e amato un libro, probabilmente lo leggo anche io, e la maggior parte delle mie vendite sono on-line.

Leggi altri scrittori contemporanei? Chi sono i tuoi autori preferiti?

Questa è una domanda incredibilmente difficile. Leggo sempre e sono sempre alla ricerca di nuovi autori. Il mio obbiettivo di lettura è probabilmente vicino ai 200 libri attualmente. Ho bisogno di un anno di pausa da tutto ciò solo per leggere. I miei autori preferiti attuali sono Maggie Stiefvater, Nicola Yoon, Victoria Schwab, e Gillian Flynn. Ho letto un sacco di libri. Tale elenco è molto breve, ma potrebbe richiedere fino un’intera pagina con i grandi autori.

E quali sono i tuoi film preferiti, e le serie tv?

Un’altra domanda difficile! Come ho detto prima, sono molto eclettica. Amo Orgoglio e pregiudizio, Ever After, Cinderella, e While You Were Sleeping, ma amo anche Il Signore degli Anelli, Harry Potter, Star Wars, Star Trek, e tutti i film di supereroi Marvel. Mi piacciono i film d’animazione Disney, nonché in particolare avendo sei nipoti li guardo con loro. Non guardo molta TV, quindi per quanto riguarda gli spettacoli televisivi guardo principalmente vecchie serie. Sono una grande fan delle maratone su Netflix. Mi piacciono Gilmore Girls o Psych e i crime come White Collar, Criminal Minds e Leverage. Sono sempre alla scoperta di nuovi preferiti.

Quale parte hai preferito durante la scrittura?

Con Non dirmi bugie quello che ho apprezzato di più è stato guardare il mio personaggio principale crescere e prendere coscienza della sua situazione. Fui sollevata quando arrivammo alla quota di rimborso del libro, perché la storia è abbastanza forte di tanto in tanto. Si tratta di un argomento difficile, ma importante.

Ci sono progetti di film tratti dal tuo libro?

Nulla fino ad ora, ma se conosci qualche grande regista, invitalo sulla mia strada!

Come i lettori possono mettersi in contatto con te?

Controllate il mio sito web all’indirizzo renaolsen.com. Sono anche su Twitter @originallyrena.

Infine, l’inevitabile domanda: a cosa stai lavorando ora?

Sono attualmente in fase di revisione del mio secondo romanzo, che è ancora senza titolo. Ha un titolo in realtà, ma proprio non mi piace, quindi sarà cambiato. E ‘quello che io chiamo una “favola inversa”, dove al felici e contenti inizia la storia, e le cose vanno in discesa da lì in poi. E ‘un altro thriller psicologico che ha a che fare con i culti e la religione e su quando qualcuno vi rinuncia per amore. Allegro, no? Grazie per avermi invitata!

Annunci

Tag: ,

3 Risposte to “:: Un’ intervista con Rena Olsen”

  1. Sara Fabian Says:

    Ho adorato il suo libro. Una bella intervista e delle belle risposte le sue ❤

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: