:: Intrigo a Ischia, di Piera Carlomagno, (Centauria, 2017) a cura di Federica Belleri

1

Clicca sulla cover per l’acquisto

Ischia, estate 1999. La cronaca nera si occupa di un misterioso delitto all’hotel Mikadi.
Lussuoso e dall’invidiabile posizione, è di proprietà della famiglia Scotto De Falco. Mina, la matriarca, viene ritrovata cadavere nella bellissima piscina dell’hotel. La ricchezza e il buon nome dei De Falco, vengono minacciati da questa terribile vicenda. Dove sta la fama di questa casata di costruttori senza scrupoli e dalle dubbie licenze? Come si sono procurati tutto il denaro che possiedono?
Il commissario Ernesto Baricco si occupa del caso. Bell’uomo, cinquantenne di Torino,trapiantato a Napoli; numerosi i suoi arresti nella malavita napoletana, tra informatori bizzarri e donne che si strappano le vesti. Baricco e Napoli, che in qualche modo lo accoglie. La sua Napoli, fra mille contraddizioni e pericoli. La sua città, fra vicoli odorosi e tradizioni da tramandare. Sul luogo del delitto, perché di delitto si tratta, compare Annaluce Savino, cronista di nera de Il Mattino. È in vacanza proprio nell’hotel in questione, e non manca di intromettersi facendo domande e scrivendo articoli che fanno imbestialire il commissario. Fra i due c’è un rapporto piuttosto difficile. L’indagine ha inizio, tra forze dell’ordine e medico legale. È un’indagine a 360 gradi, che scansiona tutta la famiglia Scotto De Falco e la pone sotto i riflettori, anche dei giornali scandalistici. Egoismo, denaro e fama, portano gli attori protagonisti sullo stesso palcoscenico, per recitare una parte molto diversa dalla loro vita reale. Al punto tale da confondere il commissario Baricco, creando dubbi e lasciandolo perplesso di fronte a qualcosa che gli sfugge. Già, ma cosa?
Famiglie di camorra, sospetti e capricci. Donne seducenti e pericolose contro uomini schiacciati dal peso di pretese troppo gravose. Abbandoni e preghiere. Femminielli e sacralità. Protezione e sfortuna. Rispetto e riconoscenza. Legami famigliari e feste comandate. Mistero e culto dei morti.
Napoli, da vivere in ogni quartiere, sopra e sotto. Carcere compreso. Segreti, motivo di rivalità e odio. Due verità, due modi diversi di osservare la stessa scena, o lo stesso soggetto …
La capacità di qualcuno, di allontanare Baricco dalla verità stessa. La scoperta, orribile, della sofferenza e l’inquietudine ansiosa di afferrare ciò che ci è stato portato via. Il riappropriarsi di una vita che ci spetta da sempre.
Piera Carlomagno ci accompagna in modo fermo ma delicato nella vita passata e presente degli Scotto De Falco. Intrigo a Ischia è un giallo ricco di suoni e profumi, di sfumature e colori decisi. È un giallo di passioni e di segreti, di odio e amore.
Lettura assolutamente consigliata.

Piera Carlomagno, giornalista professionista, scrive su «Il Mattino» di Napoli. Grazie ai precedenti romanzi con protagonisti il commissario Baricco e Annaluce Savino, Le notti della macumba (2012) e L’anello debole (2014), ha vinto numerosi premi. È presidente dell’associazione noir «Porto delle nebbie», che cura la sezione «Largo al giallo» del Festival Salerno Letteratura. È laureata in lingua e letteratura cinese e ha tradotto un’opera teatrale dello scrittore Premio Nobel Gao Xingjian.

Source: omaggio al recensore da parte dell’autore.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: