:: Io sono un gatto, Natsume Sōseki, (Beat, 2017) a cura di Viviana Filippini

5

Clicca sulla cover per l’acquisto

Cosa accade quando un gattino abbandonato si introduce in una casa di umani sconosciuti? E cosa succede se a raccontarci il destino del musetto peloso è il gatto stesso? È quello che avvien in “Io sono un gatto” di Natsume Sōseki, romanzo del 1905, pubblicato in Italia da Beat, che ha per protagonista un gattino tutto solo. Il trovatello, dopo essersi intrufolato in una umile casa viene accettato, ma non accolto con tutto l’entusiasmo che ci si aspetterebbe. Ad ospitarlo una famiglia giapponese dell’epoca Meiji: i Kushami. Il fatto che il micetto non sia tanto amato dai padroni è dato dalla mancanza di gesti affettivi concreti e dal suo non avere un nome. Il gatto viene “adottato” da una famiglia composta dal padre (l’unico che ogni tanto gli tocca la testa), un professore con perenni problemi di stomaco, una madre, tre figlie del tutto indifferenti a lui e una serva. Quest’ultima non ama il micio, ma gli dà da mangiare e questo gesto caritatevole, unito al tocco del padrone, fanno sentire il felino, il padrone di casa. Il gatto passa le sue giornate tra l’abitazione del padrone e i suoi simili (il Nero del vetturino e l’amata Micetta), ma il vero interesse di questo gatto perspicace è ascoltare i discorsi del suo proprietario e degli amici che vanno a trovarlo. I dialoghi si snodano tra il serio e il faceto e hanno al centro i problemi d’amore di Kangetsu, laureato in fisica ed ex studente di Kushami che dovrebbe sposare Tomiko, figlia viziata dei coniugi Kaneda, vicini di casa del professore, superbi, ottusi e incredibilmente ricchi. Al giovane si alternano le visite di altri amici di Kushami: il ridanciano Meitei, l’uomo d’affari Sanpei, il poeta Tōfū e tanti altri individui, che con il loro dire e agire, fanno conoscere a noi lettori usi e costumi del Giappone di inizio del XX secolo. Il gatto assiste, testimone muto, alle vicissitudini di una umanità comica, a tratti imbranata e minata dai piccole ossessioni comportamentali che la rendono simpatica e, allo stesso tempo, ne mostrano le fragilità interiori. Il gatto ascolta e innesta nelle narrazione tutta una serie di riflessioni personali che dimostrano la sua intelligenza, la sua capacità di passare dalla vita vera, alla storia dell’antica Grecia, alla letteratura, alla medicina e alla filosofia, il tutto per esprimere la propria opinione sulle spinose questioni riguardanti la vita degli uomini. Il protagonista del romanzo di “Io sono un gatto” di Natsume Sōseki, tradotto da Antonietta Pastore, è un felino simpatico, ironico che dimostra di avere una mente arguta e un cuore abili a provare sentimenti ed emozioni come quelle vissute dagli uomini, solo che il micio – differenza degli esseri umani che lo circondano – sembra sperimentare con maggiore coscienza e consapevolezza – Zen direi – ogni singolo evento del suo vivere quotidiano.

Natsume Sōseki, pseudonimo di Natsume Kinnosuke, nacque ad Edo (antico nome di Tokyo) nel 1867, da un samurai di basso rango, ultimo di sei figli, è considerato il più grande scrittore del Giappone moderno, maestro riconosciuto di Tanizaki, Kawabata e Mishima. Nel 1905 pubblicò il suo primo romanzo Io sono un gatto, edito da Neri Pozza nel 2006. Seguono, tra gli altri, Bocchan (Il signorino, Neri Pozza 2007), nel 1906 e Sanshirô del 1908.Morì nel 1916 a 49 anni. Tra le sue opere ricordiamo Il viandante, Erba lungo la via e i due romanzi apparsi in Italia sempre per Neri Pozza: Guanciale d’erba e Il cuore delle cose.

Source: acquisto personale del recensore.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Annunci

Tag:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: