:: La scelta di Sigmund, Carlo A. Martigli (Mondadori, 2016)

martigli

Clicca sulla cover per l’acquisto

La psicanalisi e la religione, il diavolo e l’acqua santa, per quanto per certi versi possano essere considerate agli opposti, si basano su un medesimo principio: la fede. La fede nelle capacità dell’uomo di sondare la mente umana, la fede in un Dio trascendente causa di tutto e attento ai destini dell’uomo. Bisogna credere, prima di conoscere. Senza questo atto di fede, crollano entrambe le strutture. Sembra un paradosso, ma è divertente vedere come spesso gli opposti coincidono, per cui non è tanto bizzarro leggere un libro in cui un papa, per la precisione Leone XIII, al secolo Vincenzo Gioacchino Raffaele Luigi Pecci, chiede aiuto a un medico viennese, e stiamo parlando di Sigmund Freud, padre della psicanalisi, per sbrigare alcune delicate faccende che per prudenza è bene restino segrete, al riparo delle grigie mura Vaticane.
Si sa la Chiesa ha sia grandi ricchezze che grandi nemici, ed è difficile capire di chi fidarsi, sia all’interno, che all’esterno. E quando un vecchio papa che sente i suoi giorni volgere al termine, per un bene più grande che gli intrighi di palazzo, vuole scoprire e neutralizzare tra gli aspiranti al soglio di Pietro qualcuno così pericoloso, così infido, così malvagio da avere legami con la morte di una povera pescivendola, e una guardia svizzera precipitati da una finestra nella messinscena di un apparente doppio suicidio, cosa può fare? Chiedere aiuto alla polizia del Regno d’Italia? No di certo e tanto meno alla gendarmeria vaticana. I nemici, i massoni, i socialisti, per dirne alcuni, non aspettano altro, uno scandalo che sommerga tutta la Chiesa.
Immaginatevi dunque un medico viennese, ebreo, ateo e massone a cospetto del papa, anzi al suo servizio. E questa idea è venuta a uno scrittore italiano, Carlo A. Martigli, che per il suo debutto in Mondadori, sceglie un titolo, La scelta di Sigmund, decisamente curioso. Per chi ha il preconcetto che gli italiani non sappiano scrivere romanzi storici, o se lo fanno li scrivano nozionistici e noiosi, una piccola sorpresa, La scelta di Sigmund non è il romanzo che vi aspettate. Non lo è affatto.
Innanzitutto i vari personaggi che intessono intrighi e commettono efferatezze di ogni genere, pur rispecchiando in un certo senso molto di quello che molti pensano avvenga in Vaticano, non sono esattamente personaggi di un’ agiografia, ma Martigli si è ben documento, quindi, a parte i dialoghi, molto di cui narra è realmente accaduto, sebbene si abbia la sensazione di sentire questi fatti per la prima volta.
Certamente qui siamo nel 1903, c’è tutto un contesto storico che filtra attraverso le pagine, ma di morti misteriose di guardie svizzere ne sono avvenute anche di recente (pensiamo solo al caso Cedric Tornay, Gladis Romero e Alois Estermann), e dopo tutto gli esseri umani anche con le loro vesti porporate restano, allora come oggi, esseri umani con colpe e miserie. Niente ci mette al riparo dal male, e bene o male tutti lo incontriamo nelle nostre vite. O papa Francesco non chiederebbe che si preghi per lui, al termine di quasi ogni apparizione pubblica.
Dopo questa mia divagazione, spero utile a farvi capire di che libro stiamo parlando, vorrei parlarvi in questa recensione, piuttosto che della trama [è sempre in un certo senso un giallo, ci sono dei morti, c’è un’ indagine (seppure bizzarra), è meglio non dire troppo], di alcune curiosità che non conoscevo.
50d942245aInnanzitutto che esistano una quantità spropositata di qualità di sigari, ognuna con il proprio nome, e le proprie qualità, e da non fumatrice è una cosa che mi ha sorpreso. Sigmund Freud ne fuma continuamente, e sempre diversi e costosi. Poi che Papa Leone XIII fosse un cultore o proprio un adepto del vino Mariani, un vino medicinale corretto con la Cocaina del Perù, e ne era così entusiasta che prestò la propria immagine per locandine pubblicitarie dell’epoca. Che già agli inizi del novecento si usasse una forma rudimentale di poligrafo, (anche Lombroso si ingegnò a perfezionarlo), capace di rendere evidente se il soggetto dell’indagine mentisse o dicesse al verità. Che tra massoni si salutasse in un determinato modo, e non ostante la scomunica immediata se scoperti molti alti prelati lo fossero. Che Leone XIII fu il papa più longevo (e simpatico) della storia. Che Francesco Giuseppe, imperatore del Sacro romano Impero, esercitò un antico diritto lo Ius Veti, per impedire l’elezione di un papa a lui sgradito (impedì la sepoltura in terra consacrata del figlio Rodolfo, morto suicida). Che la ditta Annibale Gammarelli è la più antica sartoria romana, e che sa secoli veste papi e cardinali.
Insomma di aneddoti curiosi e insoliti oltre a questi ce ne sono molti altri, e tutti funzionali alla storia, che mischia fantasia e realtà, e molto spesso la fantasia è una ricostruzione credibile della realtà.
Leone XIII, Sigmund Freud, Giuseppe Angelo Roncalli, futuro papa Giovanni XXIII, Mariano Rampolla del Tindaro, il segretario di Stato, Luigi Oreglia di Santo Stefano, decano dei cardinali e camerlengo, Joaquín De Molina y Ortega, aiutante di camera del pontefice, furono tutti personaggi realmente esistiti, i primi tre forse più conosciuti degli ultimi tre, ma dopo tutto i romanzi si leggono per il piacere della lettura, e in questo romanzo Martigli sfodera un cattivo da manuale.
Non anticipo certo se Freud riuscirà o no a smascherare il colpevole grazie all’applicazione delle sue teorie psicanalitiche, dall’interpretazione dei sogni, all’associazione di idee, dall’ipnosi, all’uso del poligrafo, starà a voi scoprirlo leggendo il libro, quello che mi piace pensare è che i buoni e i cattivi spesso non sono dove dovrebbero essere, e che ci sia sempre un piano superiore che mette a posto le cose, non ostante le brighe degli uomini. Un pulviscolo di atomi nella grandezza dell’universo e della immensità dell’eternità e della storia.
Se questa storia vi fosse piaciuta, non temete, ho la netta sensazione che ci saranno altre storie con Sigmund Freud protagonista, tutte altrettanto interessanti di questa, velata in un certo senso di malinconia per un amore tradito. Sì, il povero Freud era davvero un rubacuori, o almeno lo è in questo libro, e l’amore sappiamo tutti è il vero motore della storia e la vera cura. A presto dunque dottor Freud.

Carlo A. Martigli, toscano, dopo gli esordi come autore di narrativa per ragazzi, ha scritto i bestseller mondiali 999 l’ultimo custode (Castelvecchi, 2009; Tea, 2013) e L’eretico (Longanesi, 2012), pubblicati in oltre venti lingue. Il suo romanzo più recente è La congiura dei potenti (Longanesi, 2014).

Source: libro inviato dall’editore, ringraziamo Anna dell’Ufficio Stampa Mondadori.

Disclosure: questo post contiene affiliate link di Libreriauniversitaria.

Annunci

Una Risposta to “:: La scelta di Sigmund, Carlo A. Martigli (Mondadori, 2016)”

  1. Presenterò Martigli Giovedì 19 maggio alla IBS-Libraccio di Firenze – LA SCELTA DI SIGMUND | Calablog di Sergio Calamandrei www.calamandrei.it Says:

    […] Su Liberi di scrivere […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: